“RAFFAELLO Ieri e Oggi” invito e modalità di partecipazione agli artisti

postato in: Uncategorized | 0

“RAFFAELLO Ieri e Oggi” mostra Collettiva COME PARTECIPARE

Organizzato dal Centro Culturale ARTENOVA in collaborazione con il Centro Culturale LA CANONICA


♪♫ apri il volume per ascoltare!

Il nostro centro culturale ARTENOVA ha organizzato una mostra dedicata a Raffaello, al suo tempo, alla sua bottega.

Raffaello, eterna bellezza, lontano, è vero, dalla drammaticità del Caravaggio e dalla potenza anatomica di Michelangelo, ma piena di grazia e di splendore. Pittore richiesto da tutti i principi e i Papi del suo tempo.

Ognuno di voi può rappresentare la sua arte nel modo e con la tecnica che gli è più congeniale: astratto, figurativo, informale, plastico. 

Però, non rappresentate, una sua opera per intero.  Fermatevi invece sulle curiosità, sui particolari, sui simboli di cui la sua pittura è ricca, divertitevi a scovarli e a trovare il loro significato nascosto.

Ad esempio alcuni di voi hanno già individuato la romanità presente nei delfini nel Trionfo di Galatea,  o gli originali calzari dei soldati in uno dei suoi arazzi o il delicato paesaggio che fa da sfondo alla Madonna del cardellino,  o ancora la lavagna ai piedi di Pitagora simbolo della musica e armonia del mondo, nell’affresco La  Scuola di Atene.

Potete trovare ispirazione anche dai maestri  che Raffaello ha voluto con sé per affrescare la villa della Farnesina: Sebastiano del Piombo, Antonio Bazzi , Baldassarre Peruzzi, Giulio Romano.

Ognuno di loro ha lasciato la propria impronta artistica nei festoni, nei soffitti, nelle vele di questa villa  e noi ancora oggi godiamo della vista di animali fantastici, dei profumi, dei fiori e dei colori della frutta di straordinaria bellezza.Per ulteriori informazioni potete accedere ai siti www.artenovaaps.it o www.canonicarte.org potete scrivere a segreteria@artenovaaps.it, segreteria@canonicaarte.org o chiamare il n. 3356428759

Sguardi d’artista sull’opera del grande maestro

L’evento si terrà nel mese di giugno dal giorno 2 al 13 presso la sede del Centro Culturale la Canonica” e virtualmente sui nostri canali on-line.

Il contributo di partecipazione è di 20 euro per ogni opera presentata (max.2) per i soci e 30 euro per i non soci. Dimensione massima per quadro 1 mq.

Potranno essere rappresentate opere figurative o astratte.


Il tempo di Raffaello, periodo che abbraccia la quarantina d’anni della sua breve esistenza, è stato segnato da fermenti e rivoluzioni sociali, politiche, religiose e, culturali. La scoperta delle Americhe, la lotta per la conquista del titolo di Imperatore, la riforma di Lutero, il ritorno al pensiero filosofico di Platone in contrasto con quello di Aristotele sono segni fortissimi del cambiamento che la società stava vivendo.

Il clima culturale della corte pontificia, dove Raffaello trascorse l’ultimo periodo della sua vita, raggiungendo il culmine della sua carriera artistica, e la grande tradizione delle opere della classicità influenzarono le sue opere. Egli era bello, intelligente, elegante, un uomo perfetto di corte, capace di elaborare con originalità i temi del Rinascimento e di diventarne la massima espressione.

Al centro delle sue opere egli pose l’idea di bellezza, di equilibrio compositivo e di perfezione formale. La sua arte segna ancora oggi il trionfo dell’armonia tra l’uomo, la natura e la storia, in perfetta sintonia con la mentalità aristocratica, raffinata e colta del suo tempo.

Anche come architetto Raffaello pose le basi per inseguire il suo sogno di città ideale, introducendo anche nei suoi dipinti elementi di prospettiva e di geometria perfetta.

Molti sono quindi gli spunti che questo pittore ci regala per ricordarlo: la natura, i fiori, le piante, gli animali reali o immaginari, i simboli di cui ogni suo quadro è ricco, la grazia delle sue donne e Madonne, l’armonia delle composizioni, i suoi paesaggi, l’uso dei colori e delle linee prospettiche.

Anche i grandi pittori che hanno lavorato con e per Raffaello, soprattutto nella realizzazione degli affreschi della villa Farnesina, possono essere ricordati nella nostra mostra.

Sebastiano del Piombo, Antonio Bazzi detto Il Sodoma, Baldassarre Peruzzi, Giulio Romano sono solo alcuni nomi dei maestri che possono ispirarci


Le opere per la mostra al Broletto dovranno quindi essere attinenti all’arte, alla vita, alla bottega, al contesto storico in cui visse Raffaello.

Non potranno essere ammesse copie di intere sue opere, ma nei singoli lavori potranno essere presenti particolari, simboli, paesaggi o figure presenti nei suoi dipinti. Saranno ammesse anche interpretazioni o trasfigurazioni in chiave moderna o astratta della sua opera.

Ogni opera potrà essere corredata da una didascalia che ne spieghi l’attinenza al tema. La didascalia verrà esposta, accanto al quadro in mostra.

Una commissione verificherà la congruenza delle opere presentate con il tema della mostra.


Per ADESIONI o richiedere maggiori informazioni contattate la Segretaria Eva Boglio al 335 6428759 o scrivete a segretaria@artenovaaps.it


MODULO DI ADESIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *